Slovenská sága. Un viaggio alla scoperta di sé e della cultura slovacca

Slovenská sága. Un viaggio alla scoperta di sé e della cultura slovacca

Dal 10 al 13 maggio 2016 si è svolta, presso il Teatro Diego Fabbri di Forlì, la XXIV edizione della Rassegna Teatrale dell’Associazione Studentesca Universitaria SSenzaLiMITi, inserita nella programmazione scientifico-culturale “Babele Teatrale in Costruzione”, ideata e organizzata dal Centro di Studi Trasversali su Teatro e Interculturalità del Dipartimento di Interpretazione e Traduzione (DIT) dell’Università di

Dal 10 al 13 maggio 2016 si è svolta, presso il Teatro Diego Fabbri di Forlì, la XXIV edizione della Rassegna Teatrale dell’Associazione Studentesca Universitaria SSenzaLiMITi, inserita nella programmazione scientifico-culturale “Babele Teatrale in Costruzione”, ideata e organizzata dal Centro di Studi Trasversali su Teatro e Interculturalità del Dipartimento di Interpretazione e Traduzione (DIT) dell’Università di Bologna, Campus di Forlì. Sono state 12 le lingue che nel 2016 hanno portato sul palco la propria creatività e voglia di fare emozionando il pubblico. Nello specifico: bulgaro, spagnolo, russo, portoghese, tedesco, cinese, slovacco, giapponese, francese, arabo, italiano e inglese.

Il gruppo di slovacco, coordinato dalle docenti Renáta Kamenárová (lettrice di slovacco) e Anna Zingaro (docente di lingua italiana L2), ha messo in scena uno spettacolo partendo da una semplice quanto strana domanda: può un corso di lingua cambiare la nostra vita e farci scoprire qualcosa di noi che ancora non conoscevamo? È proprio da qui infatti che si è sviluppato il copione di “Slovenská sága”, un viaggio in chiave moderna alla scoperta della cultura slovacca e dei suoi rappresentanti presenti e passati.

Il sipario si apre su una comune classe universitaria, tra studenti terrorizzati dalla pronuncia perfetta ed altri dediti a collezionare “bonus” didattici spendibili in sede d’esame, tra professori in ritardo a causa di impegni onorevoli, ragazze in attesa di lezioni impartite dal sesso maschile e giovani amanti dei selfie in ogni momento poco opportuno. In mezzo a tutto questo, spicca la protagonista, Marina, una ragazza come tante altre, che proprio non ne vuole sapere di studiare e fare fatica. Infatti, perché impegnarsi quando esiste un’applicazione per il cellulare che ti permette di imparare qualsiasi cosa, persino lo slovacco, in 3 semplici livelli? Una volta installata l’app, però, qualcosa va storto e Marina si ritrova catapultata nel gioco. Scortata e sollecitata dal grande Ľudovít Štúr, la giovane studentessa conoscerà poeti, tenori, attori e letterati famosi della scena slovacca, i quali la metteranno alla dura prova. Per poter tornare alla sua solita vita, però, Marina dovrà affrontare delle sfide dando prova di coraggio e sacrificio.

Riuscirà la nostra protagonista a completare tutti e i 3 livelli finendo il gioco e tornando finalmente a casa? Per conoscere le sue avventure, sedetevi comodi e lasciatevi trasportare in un mondo parallelo, dove tecnologia, storia e letteratura convivono.

 

Link allo spettacolo: https://www.youtube.com/watch?v=JBPLOyyTysY

INTERPRETI:
– Marta Bollito
– Fabio Zanni
– Arianna Scroccaro
– Beatrice Ricci
– Anna Palmieri
– Gianni Ferreri
– Adrián Staňo
– Daniela Munteanu
– Paolo Cammarota
– Denis Ivanov
– Marta Marcheselli
– Anna Zingaro
– Anna Pia Muzii

Con la partecipazione di: Lucia Halusková

TECNICI E ASSISTENTI DI SCENA:
Jessica Balestri
Sara Letterelli
Alex Pagnini

 

     

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply