Rossella nasce nel 1995 in una piccola città calabra in provincia di Cosenza. Nata da padre italiano e da madre slovacca, si ritrova fin da subito a fondere in sé due mondi, configurandosi così come figlia di due culture, cosmopolita di natura. Vive la sua vita senza mai fermarsi, simile ad un treno in corsa che non conosce fermate; le due lingue, la danza, la scuola, i viaggi, infatti, non le hanno mai dato l’occasione di concedersi un pisolino. Per fortuna, il caffè non l’ha mai abbandonata in questo percorso! In questa sua vita frenetica, non manca mai accanto a sé un buon libro, insieme ai pochi risparmi utili per comprarne di altri, con la sua famiglia invece ormai rassegnata a ritrovarsi la casa stracolma di libri. Dopo un lungo pellegrinaggio giunge a Bologna, dove per tre anni studia Lettere Moderne, prosegue la sua passione per la danza e a tempo perso si improvvisa pasticciera e dispensatrice di buoni consigli per chiunque ne abbia bisogno. Fa parte dell’Associazione Culturale Slovacca dal 2017, collaborando a vari progetti volti alla conoscenza del mondo e della cultura slovacca, sconosciuto ai più. Sogna un futuro da insegnante, convinta o forse illusa di poter realizzare questo desiderio nonostante i tempi duri.